Appendicite sintomi e segni di emergenza

Che cosa è l’appendicite?

  • L’appendicite è un’infiammazione dell’appendice, un organo a forma di sacca collegata all’intestino crasso. Se non si cura in tempo, l’appendice può rompersi, che è una situazione di pericolo di vita. Contattare immediatamente un medico se si pensa di avere l’appendicite.
  • L’appendice si trova sul lato in basso a destra del vostro addome, ma il dolore da appendicite può iniziare a metà del vostro addome.
  • Il trattamento medico dell’ appendicite comporta un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice. Dopo l’intervento chirurgico, la maggior parte delle persone recuperano in modo rapido e senza complicazioni.

Un blocco, o una ostruzione, nella appendice può portare a appendicite, che è una infiammazione e infezione della appendice. Il blocco può derivare da un accumulo di muco, parassiti, o più comunemente, materia fecale. Quando c’è un ostacolo nella appendice, i batteri possono moltiplicarsi rapidamente all’interno dell’organo. Questo fa sì che l’appendice diventi irritata e gonfia, che in ultima analisi, porta a appendicite.

L’appendice si trova nella parte in basso a destra del vostro addome. Si tratta di una stretta sacca a forma di tubo che sporge dal vostro intestino crasso. Anche se l’appendice è una parte del tratto gastrointestinale, è un organo rudimentale. Ciò significa che non fornisce alcuna funzione vitale e che si può vivere una vita normale e sana senza di essa. Lo scopo della appendice è sconosciuta, ma alcuni credono che contiene tessuto responsabile ad aiutare il sistema immunitario del corpo nel processo di infezioni.

Se non si cura un appendice infiammata in fretta, può rompersi e rilasciare batteri pericolosi nel vostro addome. L’infezione risultante è conosciuta come la peritonite, che è una condizione grave che richiede cure mediche immediate.

Avere una appendice rotta è una situazione pericolosa per la vita. La rottura accade raramente entro le prime 24 ore dai sintomi, ma il rischio di rottura aumenta drammaticamente dopo 48 ore dalla comparsa dei sintomi. E’molto importante riconoscere i primi sintomi di appendicite in modo da poter cercare immediatamente una cura medica.

Sintomi di appendicite

Appendicite provoca una varietà di sintomi. Non tutte le persone avranno gli stessi sintomi, ma è fondamentale che si contatti un medico il più rapidamente possibile. L’appendice può rompersi nel più breve tempo da 48 a 72 ore dopo l’insorgenza dei sintomi. Andare in ospedale immediatamente se si sta verificando uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

Dolore addominale

L’appendicite in genere comporta una graduale insorgenza di sordo, crampi o dolori in tutto l’addome. Come l’appendice diventa più gonfia e infiammata, andrà ad irritare il rivestimento della parete addominale, noto come il peritoneo. Questo fa sì di avere un dolore acuto localizzato nella parte inferiore destra dell’addome. Il dolore tende ad essere più costante e grave rispetto al dolore sordo, dolori che si verifica quando i sintomi iniziano. Tuttavia, alcune persone possono avere una appendice che si cela dietro due punti. L’appendicite che si verifica in queste persone può causare mal di schiena o dolore pelvico.

Febbre leggera

L’appendicite di solito provoca una febbre tra 37,2°C e 38°C. Si possono anche avere i brividi. Se scoppia l’appendice, l’infezione risultante potrebbe causare la febbre alta. Una febbre maggiore di 38,3° e un aumento della frequenza cardiaca possono indicare che l’appendice è rotta.

Disturbi digestivi

L’appendicite può causare nausea e vomito. Si può perdere l’appetito e sentire come non si potesse mangiare. Si può anche diventare stitici o sviluppare una grave diarrea. Se avete problemi di flautolenza, questo può essere un’indicazione di un’ostruzione parziale o totale del vostro intestino. Questo può essere correlato a appendicite.

Sintomi di appendicite nei bambini

Portare sempre con sé il bambino in ospedale se si sospetta di avere l’appendicite.

I bambini non sono sempre in grado di descrivere come si sentono. Essi possono anche avere difficoltà a individuare il dolore, e possono dire che il dolore è in tutto il loro addome. Questo può rendere difficile determinare se l’appendicite è la causa. I genitori possono facilmente confondere appendicite per un virus intestinale o infezione del tratto urinario.

Tuttavia, è sempre meglio essere prudenti quando si tratta di appendicite. Un appendice rotta può essere pericolosa per chiunque, ma il rischio di morte è più alta nei neonati e nei bambini.

I bambini sotto i 2 anni spesso mostrano i seguenti sintomi di appendicite:

  • vomito
  • gonfiore addominale o gonfiore generale
  • un addome morbido

I bambini più grandi e gli adolescenti:

  • nausea
  • vomito
  • dolore nella parte inferiore destra dell’addome

Sintomi di appendicite durante la gravidanza

Molti sintomi di appendicite possono imitare alcuni dei disagi della gravidanza. Questi includono crampi allo stomaco, nausea e vomito. Tuttavia, le donne incinte non possono sempre avere i classici sintomi di appendicite, specialmente nella gravidanza. L’appendice è spinta più in alto durante la gravidanza a causa del crescere dell’utero, quindi il dolore può verificarsi nell’addome superiore invece del lato in basso a destra. Le donne in gravidanza con appendicite hanno anche più probabilità di avere bruciore di stomaco, gas, o alternano episodi di stitichezza e diarrea.

Come viene curata l’appendicite?

Quando si consulta il medico, si fa un esame fisico e si pongono domande circa i sintomi. Inoltre, il medico si occuperà di prescrivere alcuni test per aiutare a determinare se si dispone di appendicite. Questi possono includere:

  • esami del sangue per cercare i segni di un’infezione
  • test delle urine per verificare la presenza di segni di infezione del tratto urinario o di un calcolo renale
  • una ecografia addominale o TAC per determinare se l’appendice è infiammata

Se il medico diagnostica l’appendicite, si determina se c’è bisogno di un intervento chirurgico immediato oppure no. È probabile ricevere antibiotici prima dell’intervento chirurgico. I farmaci aiuteranno a prevenire l’infezione che si può sviluppare dopo l’intervento chirurgico. Il chirurgo poi esegue un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice. Questo si chiama una appendicectomia.

A seconda della gravità dell’appendicite, il chirurgo può eseguire una appendicectomia aperta o una appendicectomia laparoscopica:

Appendicectomia aperta

Durante una appendicectomia aperta, il chirurgo fa una incisione nella parte in basso a destra dell’addome. Rimuove l’appendice e chiude la ferita con punti di sutura. Questa procedura permette al medico di pulire la cavità addominale se l’appendice è scoppiata o se si è formato un ascesso.

Appendicectomia laparoscopica

Durante una appendicectomia laparoscopica, il chirurgo fa alcune piccole incisioni nell’addome. Quindi inserisce un laparoscopio nelle incisioni. Un laparoscopio è un tubo lungo e sottile con una luce e fotocamera sul davanti. La fotocamera visualizza le immagini su uno schermo, che consente al chirurgo di vedere all’interno dell’addome e guidare gli strumenti. Quando viene trovata l’appendice, viene rimossa e vengono chiuse le piccole incisioni.

Dopo l’intervento chirurgico

Dopo l’intervento chirurgico, il medico può decidere di far rimanere in ospedale il paziente fino a quando il dolore è sotto controllo e si è in grado di consumare liquidi. Se si sviluppa un ascesso o se si verifica una complicazione, il medico può decidere tenere il paziente sotto antibiotici per un altro giorno o due. E’ importante ricordare che la maggior parte delle persone ha un pieno recupero senza complicazioni.

Fattori di rischio e prevenzione

Secondo l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali, l’appendicite è la causa più comune di un dolore addominale con conseguente intervento chirurgico.

L’appendicite può verificarsi in qualsiasi momento, ma più spesso si verifica tra i 10 e i 30 anni ed è più comune negli uomini che nelle donne.

Non si può impedire l’appendicite, ma ci sono buone regole da seguire per ridurre il rischio. Sembra meno probabile che accada se si dispone di una dieta ricca di fibre. È possibile aumentare l’apporto di fibra mangiando una dieta sana che contiene un sacco di frutta e verdura fresca. Gli alimenti che sono particolarmente ricchi di fibre includono:

  • lamponi
  • mele
  • pere
  • carciofi
  • piselli verdi
  • broccoli
  • lenticchie
  • fagioli neri
  • fiocchi di crusca
  • orzo
  • fiocchi d’avena
  • pasta integrale

Aumentare la quantità di fibre nella dieta può prevenire la stitichezza e il successivo accumulo di feci, che è la causa più comune di appendicite. Inoltre, se avete qualsiasi condizione che causa l’infiammazione o infezione dell’intestino, è importante creare un efficace piano con il medico per evitare l’appendicite. Contattare sempre un medico immediatamente se voi o qualcuno che conoscete sta avendo i sintomi di appendicite.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web